Veneto

Docente universitario anti green pass: “Se obbligatorio, mi dimetto e rinuncio ai soldi”

Senza mezzi termini: o il green pass o la mia testa. Inizia in questo modo la lettera di un docente universitario di Padova contro l’obbligatorietà della certificazione. La comunicazione, che sta spopolando in rete e tra gli anti green pass, ha un taglio abbastanza netto.

La lettera

“Collega Rettore, (non uso superlativi per ciò che segue), io sottoscritto prof Andrea Camperio Ciani, professore ordinario di codesta libera Università degli studi di Padova, avendo appreso dal decreto rettorale dell’obbligatorietà della tessera Green pass per svolgere lezioni, dichiaro formalmente, a lei, e per conoscenza al ministro dell’Università Maria Cristina Messa ed al Ministro della Sanità Roberto Speranza, che avrò l’onore e la dignità di rimettere davanti a lei il mio Green pass, accettando la sua dimissione dall’insegnamento dei miei corsi di ‘Evolutionary psycology’, ‘Genes mind and social behavior’, e ‘Animal and human behavior’, e la radiazione della mia cattedra di insegnamento quale professore ordinario, e sospensione dell’intero stipendio. Io mi prendo la responsabilità di ciò che affermo e aspetto il suo decreto di radiazione da codesta Universita’ di Padova”.

Rispettare gli altri

Così sostiene Andrea Camperio Ciani, docente dell’Università di Padova del Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata. Va precisato che il professore è vaccinato con doppia dose. Ma non accetta l’idea che un docente o uno studente che abbia scelto di non vaccinarsi non possa più insegnare all’università. O addirittura seguire le lezioni.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close