Veneto

Draghi ha fretta

Se c’è un metodo Draghi, lo si vedrà presto. Si è preso una giornata e mezzo di stacco, nella villa in Umbria, per ragionare su quanto ha sentito negli incontri con i partiti e quale dovrebbe essere il programma. Oggi e domani, nuovo giro di consultazioni. Si comincia con i piccoli e si va avanti. E già mercoledì sera, il presidente incaricato potrebbe salire al Quirinale per riferire al Capo dello Stato.Da quel che si capisce, il premier incaricato non ha intenzione di contrattare con i partiti. Ne andrebbe del mandato ricevuto dal Presidente Mattarella, che ha chiarito abbastanza quale sia l’urgenza e la gravità della crisi. E a ricordare che non c’è tempo da perdere, s’ipotizza che il governo potrebbe giurare già venerdì per affrontare il primo decreto di ordine sanitario il giorno dopo o al massimo domenica: lunedì 15, infatti, scadono una serie di misure deliberate a inizio d’anno; sarà indispensabile un nuovo decreto predisposto dal futuro ministro della Salute. E c’è nei cassetti anche la bozza del decreto sui ristori, ben 32 miliardi di euro da stanziare.

Parti sociali a dopo la formazione del Governo

Quali saranno i ministri, è ancora un rebus. Non è chiaro se tutti tecnici, o con dentro qualche politico. E se ai segretari di partito sarà riservato un ruolo, ma pare difficile anche soltanto vederli, da Salvini a Berlusconi, Renzi e Zingaretti, Speranza seduti uno accanto all’altro nei consigli dei ministri. Così come è insondabile la sintesi che sta preparando come programma: i «desiderata» dei partiti adesso li conosce, ma ora stanno tutti con il fiato sospeso. Dalle dichiarazioni di ciascuno dei segretari di partito, impegnatissimi a definire perimetri politici, alleanze, a spingere per far entrare gli amici o per far uscire i nemici, è una rappresentazione plastica del marasma in cui sono precipitati.

La giravolta di Salvini mette in difficoltà

Zingaretti è teso solo a far digerire l’arrivo di Salvini ai suoi: «È lui che ha cambiato idea, non noi». E Salvini lo stesso: «Lascio agli altri le etichette. Io sono uno molto pragmatico e concreto. Non ho frequentazioni assidue con il Pd ma le avremo».

Draghi intanto ha ricevuto un appoggio gradito dalla presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde: «Ho piena fiducia – ha detto al giornale francese “Journal Du Dimanche” – che sarà all’altezza della sfida. Ha tutte le qualità che ci vogliono: ha la competenza, il coraggio e l’umiltà necessarie per far ripartire l’economia italiana con l’aiuto dell’Europa». Baricentro di ogni programma sarà l’uso dei finanziamenti europei, i famosi 209 miliardi del Recovery Plan, che vanno accompagnati da un piano di riforme. I partiti stessi sono in attesa di sapere se il Recovery reggerà o sarà riscritto. Si sa solo quale è la sua priorità: portare il Paese fuori da quella che ha definito una crisi economica, sanitaria, sociale ma anche culturale ed educativa.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close