Veneto

Entrano nel vivo i lavori per la terza corsia sulla A4

Con un piano di chiusure e modifiche alla viabilità entro ottobre

“L’ obiettivo è quello di completare l’ opera in anticipo rispetto tempi previsti per cui l’accelerazione impressa da Autovie Venete ai lavori per la realizzazione della terza corsia sull’autostrada A4 è un elemento di grande positività. È noto come il cantiere sia foriero di continui disagi, con rallentamenti e code. Per accelerare l’iter dei lavori si rendono quindi necessarie quattro chiusure notturne che, di sicuro, creeranno qualche difficoltà temporanea ma rappresentano una decisione importante e lungimirante della concessionaria che, in questo modo, riuscirà a concludere l’opera in anticipo rispetto al cronoprogramma a suo tempo stabilito, con evidente vantaggio per tutti”.

A dirlo è l’assessore alle Infrastrutture del Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, a commento dell’annuncio di Autovie Venete di chiudere l’autostrada tra Palmanova e Portogruaro in quattro occasioni, nelle notti tra il sabato e la domenica, per eseguire in punti diversi ben venti interventi che in presenza di traffico avrebbero comportato tempi più lunghi.

“La A4 sta soffrendo per traffici crescenti, sia di automobili sia, soprattutto, di mezzi pesanti. La terza corsia è indispensabile e quindi poter dire, come fa ora Autovie, che metà dei lavori è praticamente completata, è motivo di profonda soddisfazione”, aggiunge Pizzimenti, sottolineando come “abbiamo visto che tenere aperta un’autostrada con un cantiere in attività, per lunghi chilometri, crea disagi evidenti. L’unico modo per scongiurarli è finire prima i lavori”.

“È un lavoro faticoso – sottolinea l’esponente della giunta Fedriga nell’esprimere l’apprezzamento alle imprese che stanno lavorando – un sacrificio di tanti tecnici, operai e, di riflesso, delle loro famiglie, che stanno dedicando una parte della loro vita alla realizzazione di un’opera fondamentale che contribuirà allo sviluppo, anche economico, del Friuli Venezia Giulia”, conclude l’assessore alle Infrastrutture, ricordando anche la continua interlocuzione dell’Amministrazione regionale con Trenitalia e Alitalia per migliorare i collegamenti ferroviari e aerei.”

La costruzione della terza corsia sulla Venezia – Trieste entra dunque nella fase più importante, con una serie di interventi particolarmente impegnativi programmati dalla concessionaria Autovie Venete, fra i quali lo spostamento del traffico dalla vecchia sede stradale alla nuova, un’attività che sarà effettuata in 4 fasi.

Impegnata insieme alle imprese costruttrici nell’accelerazione dei lavori, la Società ha concentrato le operazioni riguardanti il terzo e il quarto lotto in quattro notti durante le quali l’autostrada sarà chiusa.

Gli interventi, accuratamente programmati per integrarli con altri lavori e quindi ottimizzare tutte le attività, riguarderanno nel complesso sia il terzo lotto fra Alvisopoli e Gonars, 27 chilometri di strada dove già si può intravedere l’allargamento delle carreggiate in entrambi i sensi di marcia, sia il primo sub lotto (Gonars – Palmanova) del quarto lotto (Gonars – Villesse). Proprio per consentire il corretto innesto dei veicoli anche sul futuro manto stradale, si avvia a conclusione, dopo quattro giorni di lavori, la costruzione della nuova rampa d’ingresso che dal casello autostradale di San Giorgio di Nogaro conduce a Trieste.

Le chiusure – Dalle 21,00 di sabato 22 settembre alle ore 8,00 di domenica 23 sarà chiusa l’intera tratta tra Latisana e il nodo di Palmanova in entrambe le direzioni di marcia per spostare il traffico dalle attuali carreggiate a quelle nuove (nel tratto Latisana – San Giorgio di Nogaro). Saranno chiuse dalle 18,00 anche le aree di servizio di Gonars Sud e di Gonars Nord. Una volta riaperta l’autostrada, la circolazione verrà convogliata, attraverso un percorso delimitato da new jersey e apposite segnaletiche verticali e orizzontali, sul nuovo manto stradale, nel tratto compreso tra Latisana e il ponte sul fiume Cragno e tra Pampaluna e Porpetto. Gli altri due interventi programmati nella stessa notte, riguarderanno il primo sub lotto (Gonars – Palmanova) del quarto lotto (Gonars – Villesse). Durante la chiusura sarà gettata la soletta in calcestruzzo del cavalcavia che da Fauglis porta a Bagnaria Arsa (località Bordiga) e sarà varato il nuovo sovrappasso sulla strada provinciale Ungarica che va sempre da Fauglis a Bagnaria Arsa.

I due manufatti sono paralleli e si trovano a circa 600 metri di distanza l’uno dall’altro. A ciò vanno ad aggiungersi una serie di altri interventi minori sul verde nonché la verniciatura del ponte appena varato.

Dalle 21,00 di sabato 29 alle ore 8,00 di domenica 30, con le stesse modalità della settimana precedente verrà effettuato un ulteriore spostamento del traffico e questo comporterà la chiusura del tratto tra il nodo di Palmanova e Latisana in entrambe le direzioni. In questo caso il tratto interessato dallo spostamento del traffico sarà compreso tra il cavalcavia in località Valderie e il sottopasso Pedrina solo nella carreggiata ovest in direzione Venezia e tra lo svincolo di San Giorgio di Nogaro e la fine del lotto (Gonars).
Dalle ore 21,00 di sabato 6 ottobre alle ore 8,00 di domenica 7, resterà ancora chiuso il tratto tra il nodo di Palmanova e Latisana in entrambe le direzioni per il terzo spostamento del traffico che riguarderà il tratto di A4, in direzione Trieste, compreso fra il cavalcavia Valderie e il sottopasso Pedrina.
Dalle ore 21,00 di sabato 13 ottobre alle 8,00 di domenica14 si procederà alla chiusura del tratto Portogruaro – Latisana, in entrambe le direzioni, per il quarto spostamento del traffico in un breve tratto di circa un chilometro in località Ronchis nella carreggiata ovest in direzione Venezia.

Modifiche alla viabilità – La posa di una serie di manufatti scatolari (una sorta di “condotta” di cemento) che verranno spinti sotto il manto autostradale in entrambe le direzioni è l’intervento che, in concomitanza con le chiusure programmate, comporterà alcune modifiche alla viabilità.
Dalle 23,00 di venerdì 21 settembre alle 4 del mattino di lunedì 24 sarà chiusa la carreggiata della A4 in direzione Trieste, in un tratto di circa un chilometro in prossimità dell’area di servizio di Gonars. Il traffico quindi scorrerà a doppio senso di marcia nella carreggiata opposta.
Dalle 23,00 di venerdì 28 settembre alle 4 del mattino di lunedì 1 ottobre verrà nuovamente chiusa la carreggiata in direzione Trieste, in un secondo tratto, e il traffico scorrerà a doppio senso di marcia sulla carreggiata opposta.
Dalle 23,00 di venerdì 5 ottobre alle 4 del mattino di lunedì 8 sarà chiusa la carreggiata della A4 in direzione Venezia in un terzo tratto e il traffico quindi scorrerà a doppio senso di marcia sulla carreggiata opposta in direzione Trieste.
Dalle 23 di venerdì 12 alle 4 del mattino di lunedì 15, infine, nuova chiusura della sola carreggiata in direzione Venezia in un ulteriore tratto e il traffico sarà fatto scorrere a doppio senso di marcia sulla carreggiata opposta in direzione Trieste.

Lucio Leonardelli

 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close