Veneto

I ragazzi di Paluello per l’AIL

STRA . Scenderanno in campo domenica 14 aprile, domenica delle Palme, i ragazzi della comunità di Paluello con una raccolta fondi per aiutare i loro piccoli amici in difficoltà. Grazie a un laboratorio fatto con Irene, volontaria Ail, il 30 marzo scorso, hanno iniziato un viaggio nella conoscenza dei problemi quotidiani di chi è meno fortunato.

Nel corso di questo periodo prima della Pasqua i ragazzi di elementari e medie hanno preparato i ramoscelli di ulivo da consegnare, ad offerta libera, prima della celebrazione della Messa delle 10 nel piazzale della chiesa di Sant’Antonio Abate di Paluello. Il contributo verrà usato per aiutare altri bimbi a fare le cure specialistiche domiciliari di oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Padova, essere curati perciò in famiglia.

ragazzi

I commenti dei ragazzi:

Questi sono stati alcuni dei commenti dei ragazzi dopo i laboratori:

“Abbiamo capito insieme l’importanza, per ciascun bambino malato, di vivere, giocare, gioire e guarire presso le proprie mura domestiche. Noi ci siamo presi un impegno ambizioso, ma realizzabile, di riuscire a far vivere l’esperienza delle cure specialistiche domiciliari di oncoematologia pediatrica almeno ad uno di loro”.

“Ci ha mosso la voglia di metterci in discussione, non si possono fare le solite cose con le bende agli occhi, ma vogliamo con i nostri ragazzi fermarci e con coraggio tutti uniti FARE QUALCOSA PER GLI ALTRI”.

festival

Attraverso questo laboratorio hanno conosciuto l’AIL, associazione che tanto fa tutti i giorni per aiutare bambini come i nostri, in casi di forte necessità, l’AIL si sta davvero impegnando tanto perché ciascun bambino possa il più possibile essere curato presso le proprie mura domestiche.

Con l’assistenza specializzata domiciliare del reparto di oncoematologia pediatrica di Padova, il bimbo si alza la mattina, fa gli esami di routine, la visita del medico e poi vive la sua giornata nella propria abitazione, o chi è più fortunato va a scuola.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close