ArchivioVeneto

Il Follow Up

Quando e come chiedere riscontro sulla propria candidatura

Ci cerca lavoro, nella grande maggioranza dei casi purtroppo, lo fa per necessità e non per una crescita professionale. Trovare opportunità professionali poi non è semplice per nessuno e quando se ne intravede una che ci calza a pennello l’invio del cv è accompagnato da grandi entusiasmo e speranze.
Ma quando all’invio non segue una risposta? E’ proprio in quel momento che nubi dense si stagliano nell’orizzonte che qualche giorno prima pareva terso e vivido di una luce quasi divina.
Lo stato d’animo di molti (o tutti?) a quel punto cambia: nascono ansia, preoccupazione, delusione, un pizzico di rabbia. La “call to action” spontanea è quella di chiamare o scrivere una email per chiedere un “gentile riscontro” sulla propria candidatura, ma il timore è quello di sembrare precipitosi, ansiosi, a volte disperati.
In molti mi hanno chiesto suggerimenti su come gestire il proprio ruolo di candidato in fase di follow up, e di seguito riporto qualche indicazione utile allo scopo:

Rispetto del lavoro altrui: Ebbene si, sembra strano ma in molti evitano accuratamente le buone maniere e, mossi da uno stato d’animo che spiace constatare, ad una gentile richiesta di riscontro preferiscono email o post denigratori e qualunquisti tipo “non mi avete mai chiamato”, “non servite a nulla” e via dicendo. Tenere a freno le proprie emozioni è tanto banale quanto fondamentale per non far una pessima figura.

Evitare le telefonate: Provate a pensare a una società di selezione che pubblica un’opportunità professionale al giorno e riceve 200 o 300 cv, ora pensate a 200 o 300 persone che chiamano per chiedere un riscontro, ogni singolo giorno. La trasformazione in un call center è dietro l’angolo. Essendo il tempo di risposta ad una email molto più rapido è preferibile e ben più professionale optare per quest’ultima, magari con un bel testo quale “Gentile Responsabile delle selezioni, a seguito della mia candidatura per la posizione di…, inviatavi …, volevo sincerarmi della ricezione del mio curriculum e rinnovare l’interesse per la posizione. Rimanendo a disposizione per un colloquio d’approfondimento colgo l’occasione per porgere i miei più cordiali saluti”.

Quando?: Dipende da quanto avanti si è arrivati nel processo di selezione. Se non si è svolto un primo colloquio con il recruiter anche due settimane sono un tempo adeguato d’attesa. In caso contrario una settimana.

Marco Garbin

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close