Veneto

Impennata nelle scuole

Dodici classi nel territorio veneziano sono state interessate da casi di coronavirus nella giornata di giovedì 4. Il è dato stato comunicato durante la conferenza stampa all’Ospedale Civile di Venezia che ha fatto quadro sulla situazione sanitaria e sulle scuole; si è trattato del primo incontro con la stampa per il nuovo direttore gnerale, Edgardo Contato. Con lui Luca Sbrogi, direttore del Dipartimento di prevenzione che ha fornito i dati relativi all’epidemia nelle scuole.

Scuole in emergenza

Oggi sono 50 le classi attualmente interessate da casi positivi in tutta l’Ulss 3 Serenissima, con studenti dagli 0 ai 18 anni. Da inizio pandemia i numeri sono rilevanti. “Bastano due positivi per avere un focolaio – ha spiegato Sbrogi – Abbiamo avuto quasi 11mila studenti quarantenati e 1.014 insegnanti da inizio anno scolastico”.  “Ora hanno alzato la mano 12 classi per segnalarci casi positivi – ha spiegato il direttore del Dipartimento – sono perlopiù nel veneziano e alcune a Dolo”. 

I contagi aumentano

Nel dettaglio, le scuole di ieri in cui sono stati riscontrati studenti positivi sono 6 a Venezia, di cui 4 centro storico e 2 a Marghera, le altre a Chioggia e nelle scuole della Riviera del Brenta.  “Tra dicembre e gennaio – ha spiegato Contato – con la chiusura delle scuole il problema si era praticamente azzerato e rispetto a quel un calo progressivo ora assistiamo ad una ripresa”. L’attenzione per le scuole è massima. Un po’ minore quella sulle altre, e forse maggiori,  cause di propagazione del virus, come gli assembramenti per i ritrovi non necessari.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close