Veneto

Iniziative economiche durante il Covid

Nel corso delle mie trasmissioni in TV, abbiamo discusso con i nostri ospiti a lungo, sull’atteggiamento e sulle iniziative di questo governo in questa emergenza. Si è passati da una difesa dei lavoratori ad una lenta, anzi, oserei definire, lentissima azione a favore delle imprese  e del popolo delle partite iva. Solo quando la situazione economica si stava rendendo sempre più drammatica.

Le iniziative di Conte

E’ noto che Conte, per sua stessa ammissione, non ha svolto tutte le dovute azioni che si rendono necessarie in un contesto di pandemia. Errori ne ha fatti parecchi. Ma al di là del fatto che il politico, vivendo del consenso, cercherà sempre di adottare azioni che non possano minare la sua immagine e quindi il suo potere comunicativo, spicca “il modus” in cui le notizie vengono date. Sui Social.

Prima sui social?

Ebbene prima della Gazzetta Ufficiale prima di ogni ratifica ufficiale regna sovrana la comunicazione social. Lungi da voler criticare il metodo, spicca il fatto che un Presidente del Consiglio dovrebbe usare metodi più convenzionali proprio per garantire la maggiore diffusione delle informazioni.

Confusione totale

Infatti, a parte la confusione che regna sovrana su decreti, ordinanze varie di ministeri e regioni, talvolta contradditorie, e 4 moduli di autocertificazione e chi ne ha più né metta , spicca il fatto che l’argomento imprese è sottovalutato. Anche perchè l’imprenditore non è l’elettore tipo di questo governo! Allora perché agevolare il mondo produttivo? Perché dargli una mano se fino a ieri si era detto che tutti gli imprenditori sono tutti evasori e devono finire in carcere?

Iniziative e media

Ed ecco il capolavoro mediatico!!!! La diretta facebook del 6 aprile del presidente Conte con il Mininstro Gualtieri, Patuanelli e Azzolina. 400 miliardiper salvare le imprese alle 20:40! Alle 21:05 però…..“E’ una potenza di fuoco”, “ Poderoso”, “enorme”, “Garanzia”, “celere”,” spedito”,” sicuro”, ”efficace”, “trasparenza finanziaria”, “libertà”,” sacrificio di Cristo”!!!! Tutti aggettivi e sostantivi usati ad arte per non dire nulla.

Il nulla

Si perché di nulla si tratta. Lo stato aiuterà le imprese facendo indebitare l’imprenditore. E così senza cacciare fuori un cent questi fanno una manovra mediatica da 400 miliardi. Come ? presto detto. Finanziamenti garantiti dallo stato ed erogati dalle banche (chissà a che tassi e chissà con quali spese aggiuntive) in 6 anni. 400 miliardi diviso 6 fanno esattamente 67 miliardi all’anno di rimborsi che dovranno essere restituiti alle banche. Mettiamo che falliscano e non paghino il 10% delle imprese che hanno richiesto l’aiutino? Quindi 6,7 miliardi l’anno di perdite. Ecco che lo Stato ha speso, o meglio rimborserà alle banche chissà quando. Meno del reddito di cittadinanza che attualmente è di 9 miliardi. È  questo il modo di aiutare l’economia italiana???? Ah la comunicazione …………………

Vincenzo Lovino, imprenditore

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close