Veneto

“La scuola di tutti è inclusiva”: 3 borse di studio dal consigliere Ferrari

CAMPONOGARA. Presentato il nuovo progetto del consigliere regionale Franco Ferrari, “La scuola di tutti è inclusiva”, indirizzato alle scuole medie di Camponogara. Il bando, istituito a titolo personale, prevede lo stanziamento di 3 borse di studio, da mille euro ciascuna, per premiare il miglior progetto d’inclusione scolastica e sociale delle persone diversamente abili elaborato dalle 17 classi della scuola.

L’idea del consigliere Ferrari nasce dal voler dare più attenzione alle persone diversamente abili, supportando concretamente le famiglie, le scuole e le associazioni locali: «Mi sono avvicinato al mondo della disabilità – spiega Ferrari-, toccando con mano la loro realtà nelle scuole, negli ospedali, nell’ambiente dello sport. Queste persone – sottolinea il consigliere- devono essere messe nelle stesse condizioni degli altri e per questo va promossa l’inclusione, partendo dalle scuole».

Presente anche una rappresentante dell’Associazione “Famiglie e Abilità Onlus”: «Progetti come questi -commenta la dott.ssa Alessandra Boran– aiutano a crescere i ragazzi, ma anche i docenti e noi famiglie. Per noi genitori dell’associazione, come credo per tutti, è davvero importante che si crei un ambiente inclusivo dentro e fuori scuola e che più realtà del territorio si uniscano per arrivare a questo scopo». A partecipare saranno 385 studenti della “Antonio Gramsci”, dalla 1a alla 3a media, che potranno sottoporre al comitato di valutazione un progetto a piacere che evidenzi come l’inclusione possa essere una risorsa e come il gruppo classe abbia recepito l’iniziativa al fine di maturare maggiore sensibilità, condivisione e aiuto reciproco. Attualmente iscritti alla “Gramsci” ci sono 22 ragazzi diversamente abili.

«Il bello di questo progetto – sottolinea il vicesindaco Massimiliano Mazzetto- è che rientra nelle politiche educative. Spesso la disabilità viene inquadrata in progetti assistenziali, anche nelle scuole, invece questa volta verrà affrontata dal punto di vista educativo». Le tre classi vincitrici investiranno la cifra messa a disposizione per l’acquisto di materiali didattici utili all’inclusione, come strumenti musicali, libri e materiale sportivo adatto a tutti. «L’inclusione – sottolinea la vicepreside dell’Istituto comprensivo, Renata Desiderati – con questo progetto si trasforma in un’opportunità che viene data a tutte le classi. I nostri studenti diversamente abili sono una risorsa di crescita per tutti, docenti compresi». Presente anche il prof. Bruno Donolato, docente di pedagogia alla Ca’ Foscari di Venezia, che farà parte del comitato di valutazione dei progetti.

Gaia Bortolussi

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close