ArchivioCultura e spettacoloVeneto

Ballò vista da Alda Michieletto

La storia della chiesa per capire il paese.

Sarà presentato domani, sabato 3 dicembre, alle ore 16.30, nella chiesa parrocchiale di Ballò, il libro “Ballò e la sua chiesa. Storia e storie”, di Alda Michieletto Gasparini (Edizioni Eurooffset – Maerne di Martellago), con l’intervento del professor monsignor Stefano Chioatto, direttore dell’Archivio storico della Diocesi di Treviso e docente di Storia della Chiesa presso l’Istituto superiore di scienze religiose di Treviso e Vittorio Veneto.

Il volume, fortemente voluto dal precedente parroco don Fiorindo Sergio Busato, colma una disparità tra le frazioni del comune di Mirano, con Ballò rimasta finora l’unica a non disporre di una ricerca storica che la riguardasse. Il testo è costruito su documenti d’archivio inediti, che arricchisce di elementi nuovi e interessanti la storia di tutto il comune.

Ballò infatti, ai margini del Graticolato romano e al confine, nell’alto Medioevo, tra il comitato di Treviso e il distretto padovano, ha visto nei secoli scorsi la presenza di potenti famiglie, che hanno lasciato in questo paese importanti testimonianze. A Ballò le vicende di personaggi illustri si sono variamente intrecciate con quelle delle persone più umili, che intorno alla loro chiesa, un tempo piccola e povera, hanno costruito la comunità ballodiense.

Il volume è corredato da una nutrita bibliografia e da un’appendice documentaria molto interessante, specialmente per gli abitanti di Ballò, soprattutto perché riporta gli elenchi delle “anime” redatti dai parroci in epoche diverse. Il più antico (che comprende anche i parrocchiani di Vetrego), risale all’anno 1600 e vi si ritrovano cognomi tuttora presenti a Ballò e nei paesi vicini.

Un volume da tenere assolutamente nella propria libreria e che conferma una volta di più l’importanza e il fascino della storia locale, anche per capire lo sviluppo attuale dei paesi frenetici in cui viviamo.

Filippo De Gaspari

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close