Veneto

Medico di base contagiato attacca Zaia

Mamma di tre figli, medico di base a Verona e sindacalista della Fismu (Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti), Franca Mirandola tornerà a casa dopo sette mesi di ospedale a causa del Covid. «Mi ha infettata un paziente del mio studio – racconta – e io a mia volta ho contagiato mio marito. Lui si è rimesso in breve tempo, io da mesi combatto con “la bestia”». Il virus, dice, «l’ha colpita duramente, portandola due volte in fin di vita in rianimazione. E ancora lotto – aggiunge – con le conseguenze della malattia».

La polemica

Alla vigilia delle dimissioni, la dottoressa polemizza con il governatore del Veneto, Luca Zaia, che ha chiesto a tutti i medici di base della regione di fare in ambulatorio il test Covid ai loro pazienti. «L’ordinanza interpreta punitivamente un già inconsistente, e inadeguato, accordo nazionale, che da una lato impone l’obbligatorietà per i medici di fare i test per il coronavirus, dall’altro prevede la necessità che fossero fatti in sicurezza – sostiene Mirandola -. Una condizione, questa ultima, che esclude la maggioranza degli ambulatori, oltre l’80% delle strutture, e impone alle istituzioni pubbliche di mettere a disposizione locali adeguati, personale, e, in tutti i casi, sufficienti dispositivi di protezione personale».

La conclusione

E conclude, rivolgendosi al presidente del Veneto: «Per fare un tampone, basta fare un mini-corso, non è necessario un medico: vada lei e la sua Giunta a farli, magari viene anche il ministro Speranza (che ha tanto celebrato l’accordo nazionale) senza dispositivi di sicurezza, come chiedete a noi».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close