Veneto

Nigeriani contro Brugnaro dopo le sue dichiarazioni

«Vergognose e disumane». Iriakannu Hodge Samson, presidente della comunità nigeriana in Italia, bolla così le parole con cui il sindaco di Venezia si era espresso durante l’incontro Idee Italia avvenuto a Milano il 6 ottobre scorso. Una polemica, quella dei vigili-Batman che quindi è tutt’altro che sopita, dato che, nel corso del convegno, Brugnaro aveva dichiarato pubblicamente, spiegando l’assunzione dei nuovi giovani: «Li abbiamo assunti con la logica del cronometro, per vedere se sapevano correre, saltare e tirare su i pesi. Farà anche ridere, però quando il nigeriano scappa e fa cinque chilometri, i nostri due vigili giovani lo rincorrono e quando questo si ferma, con la lingua fuori si chiede: chi siete? Siamo Batman».

La frase non è andata giù alla comunità, che si è sentita offesa, tanto da chiedere le pubbliche scuse del primo cittadino veneziano: «Con Anene Kanayo Edmond (presidente Venezia) e Omeliko Mike (presidente Napoli) condanniamo l’affermazione del sindaco Luigi Brugnaro di Venezia. La dichiarazione sulla caccia ai nigeriani è vergognosa, ripugnante e xenofoba». Samson fa sapere che tra i nigeriani c’è grande preoccupazione: «Una dichiarazione di quel tipo da un’autorità come quella di Venezia mette in pericolo le vite e l’incolumità dei nigeriani. Il clima di odio xenofobo e anti-immigrati in Italia oggi ci fa sentire spaventati e minacciati. Perseguitati non da un individuo, ma da un’istituzione dello Stato».

I nigeriani auspicano dunque: «L’intervento del Governo di Giuseppe Conte, del ministro dell’interno Matteo Salvini e le scuse pubbliche di Brugnaro». Questo perché, ribadisce Samson: «A questo punto i nigeriani in Italia si sentono ingiustamente perseguitati».

Da ultimo, i tre rappresentanti del popolo africano in Italia fanno un appello ai connazionali affinché la situazione non degeneri: «Richiamiamo i cittadini ad ignorare la persecuzione pregiudiziale. Tutti i nigeriani sono chiamati all’obbedienza a tutti gli organi nazionali Italiani. Come sempre, noi continueremo le nostre attività quotidiane in pieno rispetto delle leggi Italiane e delle leggi regionali e provinciali del Paese che ci ospita».

Il sindaco peraltro aveva già aggiustato il tiro l’11 ottobre scorso. Infatti, durante le celebrazioni per il 151° dalla nascita del corpo dei vigili di Venezia aveva spiegato come intendesse in effetti affermare che il Comune è in prima linea con i suoi vigili nella lotta a ogni tipo di spaccio di droga in città, indipendentemente dalla nazionalità dei venditori di morte.

 

C.C.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close