Veneto

NO al black friday

Si chiama Black Friday, è il venerdì dei super-saldi aggiornato all’era digitale e, da qualche giorno, si è trasformato in un terreno di scontro politico. La «nuova tradizione», importata dagli Stati Uniti, fa presagire un boom di acquisti sui portali dello shopping elettronico. Ma quest’anno, complice la pandemia, i colossi del digitale hanno campo aperto. Così le associazioni del commercio tradizionale, seguendo l’esempio dei colleghi francesi, lanciano un appello al governo: bisogna posticipare il giorno del grande cyber-assalto allo sconto.

Confesercenti

Confesercenti alza il tiro, presentando un esposto all’Antitrust. «Siamo di fronte a una distorsione gravissima della concorrenza, che dobbiamo correggere al più presto» attacca l’associazione. I ristori decisi dal governo, seppur corposi, stanno scontentando molti esercenti. E lo spettro di un «esodo di massa» verso Amazon e dintorni, fa paura. Secondo uno studio del Codacons, saranno 25 milioni gli italiani che approfitteranno di sconti e promozioni sul web per fare almeno un acquisto, il 47% in più dello scorso anno, e l’intera settimana genererà nel 2020 un giro d’affari di oltre 2,5 miliardi di euro, con una crescita del +27% rispetto al 2019. Il 35% dei regali di Natale potrebbe essere acquistato proprio durante il Black Friday, stima l’associazione dei consumatori, prevedendo che rispetto al passato ci sarà anche una impennata negli acquisti di prodotti legati allo smartworking, articoli sportivi e per la cura della persona, e prodotti per la casa.

I centri commerciali

Trema anche il Consiglio nazionale dei centri commerciali, che evidenzia «la preoccupante situazione in cui si trova l’Italia che, a differenza di altri Paesi europei in cui è stato posticipato il periodo del Black Friday per poter garantire una leale concorrenza». Alle imprese risponde direttamente Amazon, chiarendo come oltre la metà delle proprie vendite annuali provengano dalle pmi. «Sin dall’inizio della pandemia abbiamo lavorato duramente per garantire la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, supportando le 14.000 piccole imprese italiane che vendono nel nostro negozio», chiarisce il colosso di Jeff Bezos. Poco, per convincere le categorie. Che si organizzano partendo dal basso, ma sperano in una mossa del governo.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close