Padovano

Alla scoperta delle nuove opere di Kenny Random

Kenny Random è tornato!

L’artista e writer padovano Kenny Random alias Andrea Coppo, ha arricchito la città di Padova con un altro murales mozzafiato intitolato “The man who stole the moon…”, (l’uomo che rubò la luna).

L’opera è stata creata in onore del cinquantenario dell’allunaggio e dello sbarco di Neil Armstrong e Buzz Aldrin, e raffigura per l’appunto un uomo che corre all’impazzata e che stringe forte la luna che ha appena conquistato.

Caccia al tesoro

Il murales, come tutti i precedenti lavori dell’artista, è nascosto fra le vie della città e sarete voi a scovarla…

Noi dopo una bella passeggiata con il sole cocente di luglio siamo riusciti a trovarla, e l’immediatezza e la straordinarietà del disegno ha ripagato tutta la fatica e il sudore che abbiamo versato per cercarla.

I murales parti della città

I lavori di Kenny Random sono disseminati fra l’area industriale e il centro storico di Padova e sono così belli che l’amministrazione ha deciso di preservarli durante i lavori degli edifici coinvolti, perché considerati parti integranti della città.

I murales raffigurano figure antropomorfe, sagome innamorate che si baciano sotto l’occhio curioso delle persone, personaggi di cartoni animati, animali domestici, tutti dotati di un’espressività così profonda, così reale che sembra quasi che il disegno si concretizzi e si mischi con le persone, diventando parte sognante di una città in continuo movimento…

Kenny Random e la città di Padova

Nonostante la poliedricità della sua produzione, il motivo per cui è maggiormente conosciuto sono i numerosi murales che adornano la città di Padova, che periodicamente vengono incrementati con nuove opere.
La sua produzione si è evoluta nel corso degli anni, partendo da figure antropomorfe, passando per sagome stencil fino ad incorporare vari personaggi dei cartoni animati per dare maggiore espressività al messaggio veicolato. I suoi murales sono oggi presenti sia nell’area industriale che nel centro storico di Padova, e possono talmente considerarsi parte della città che in alcuni casi si è scelto di preservarli durante i lavori di ristrutturazione degli edifici coinvolti.

Correte a cercarle e scovatele tutte…

ne vale la pena!

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close