Padovano

Gusto per la ricerca: 100mila euro ai bimbi

Quasi 100 mila euro sono i soldi che il gusto per la ricerca ha raccolto, in occasione del pranzo benefico organizzato dal “Il gusto per la ricerca” la onlus padovana dello chef stellato padovano Massimiliano Alajmo e suo fratello Raffaele.

Il pranzo

Il pranzo avvenuto il 29 settembre a Vicenza alla Diesel Farm di Marostica a Vicenza ha raccolto l’eccellenza gastronomica per uno scopo importantissimo, raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica sulle neoplasie infantili.

La onlus gusto per la ricerca

Nato nel 2004 il comitato “Il gusto per la ricerca” ha ideato questa formula vincente che trasforma chef internazionali in promotori di solidarietà. Il menù del pranzo abbinato a grandi vini, preparato da un gruppo di blasonati chefs, ha devoluto l’intero ricavato della serata ad enti che finanziano la ricerca scientifica nel campo delle malattie neoplastiche infantili.

Partner

Partner di quest’anno del pranzo benefico è stata la OTB Foundation, l’organizzazione no profit del gruppo OTB creata da Renzo Rosso fondatore del marchio DIESEL.

Padova e il gusto per la ricerca

“Il gusto per la ricerca” nasce a Padova, città in cui convivono un importante centro di ricerca, la Clinica di Oncoematologia Pediatrica, la cui attività scientifica è finanziata dalla Fondazione Città della Speranza e uno chef di fama mondiale, Massimiliano Alajmo.

Massimiliano Alajmmo

Chef internazionale, due stelle michelen, responsabile dei ristoranti “Le Calandre”, “Il Calandrino”, “La Montecchia” e “Gran Caffè Quadri”, impegnato col gruppo dei “cavalieri della cucina italiana” a promuovere e tutelare la cucina italiana. Non solo un grande professionista ma anche un uomo molto umano, sensibile ai problemi salutari dei piccoli. Insomma non solo un grande chef ma un grande uomo

Grazie alla sua fondazione ogni anno vengono raccolti molti fondi per la ricerca scientifica e noi oltre che ad ammirarlo chef lo ammiriamo anche e soprattutto per il suo animo.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close