Padovano

Installazione shock in stazione

Oggi all’uscita dalla stazione di Padova mi sono imbattuta in qualcosa che mi ha letteralmente sconvolto…Un’installazione davvero shockante.

Una dozzina di teli bianchi dai quali spuntano soltanto i piedi con le scarpe, teli che rappresentano delle salme, teli che coprono corpi morti, in questo caso quello dei migranti…

E’ l’installazione shock dell’artista Andrea Dodicianni, creata in occasione dell’apertura del #Right2cityFestival organizzato dalla onlus Avvocato di Strada, l’associazione che si occupa di aprire in tutte le città italiane degli sportelli di avvocati che forniscano assistenza legale gratuita ai cittadini senza fissa dimora.

Andrea Dodicianni

L’artista e musicista nato a Rovigo e attualmente laureato presso l’Università di Padova in Storia della Musica, è già ben noto nel panorama dell’arte contemporanea per le sue opere provocatorie e sconvolgenti dense di verità e significato.

Questa installazione denuncia la cattiva gestione dell’immigrazione in Italia, una gestione che porta alla perdita della dignità, dei diritti umani e che nella maggior parte dei casi genera la morte…

Salme davanti a noi, immobili, inermi, morti, sconfitti dal mare. Salme che hanno sofferto, che hanno avuto paura e che non ce l’hanno fatta…

Accanto ai corpi coperti dai teli ci sono dei cartelli con su scritti i luoghi comuni che oramai siamo abituati a sentire quotidianamente…

“Statevene a casa vostra”, “Aiutiamoli a casa loro”, “Che possano annegare” “Prima gli Italiani”.

Frasi che dimostrano il disinteresse, la superficialità e la più totale mancanza di empatia di fronte alla sofferenza umana, spesso oggetto di propaganda politica inutile e becera..

L’installazione in stazione

Molto simbolico anche il fatto di averla installata in stazione, un luogo dove siamo abituati a correre ed a incontrarci, un luogo dove spesso passiamo di corsa e che l’installazione ci obbliga a fermarci e guardare. Ma anche un luogo dove si è concentrato la maggior parte del degrado, risultato dell’immigrazione incontrollata.

Un consiglio per chi non l’avesse vista:

Andate in stazione fermatevi e guardate attentamente.

Prendetevi un minuto prima di andare a prendere il treno o di correre da qualsiasi altra parte.

 Guardate, osservate, pensate e fatevi sconvolgere dall’arte come solo essa può fare.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close