Padovano

SAN VALENTINO AL MUSEO e non solo….

In occasione della festa  di San valentino, giovedì 14 febbraio, i musei di Padova si aprono alle coppie.  Gli innamorati avranno l’occasione di visitare gratuitamente i Musei Civici degli Eremitani, Palazzo Zuckermann e il Museo del risorgimento e dell’età contemporanea…

Un ottimo modo per omaggiare l’amore in tutte le sue sfumature, assaporando l’arte e la storia delle città…

L’INIZIATIVA

L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’assessorato alla cultura di Padova.  Nel corso dei secoli Padova  si è rivelata una città centrale per la cultura e la storia italiana. Tutti i più grandi artisti come Giotto, Donatello, Mantegna, Palladio hanno lasciato testimonianze indelebili all’interno della città. Questa giornata servirà non solo a far conoscere alla stragrande maggioranza dei cittadini l’intero patrimonio storico e culturale di Padova  ma servirà anche ad accrescere la consapevolezza della storia di Padova, una Padova multiforme, che miscela arte e umanesimo e che è degna di essere ammirata…

ALTRI APPUNTAMENTI

Se non riuscite a visitare i musei giovedì 14 febbraio non disperate!  Le stesse sedi potranno essere visitate gratuitamente in altre ricorrenze dell’anno 2019.

Per la festa della donna, l’8 marzo,  l’ingresso sarà gratuito per le donne.

Per la festa del papà il 19 marzo, l’ingresso sarà gratuito per i papà accompagnati dai figli al di sotto dei 18 anni.

Per la festa della mamma, il 12 maggio, l’ingresso sarà gratuito per le mamme accompagnate dai figli al di sotto dei 18 anni.

Per la festa di Sant’Antonio il 13 giugno, l’ingresso sarà gratuito per tutte le persone che si chiamano Antonio e Antonia.

Per la festa dei nonni il 2 ottobre, l’ingresso sarà gratuito per i nonni accompagnati dai nipoti al di sotto dei 18 anni.

Oltre a queste ricorrenze le sedi museali saranno aperte al pubblico gratuitamente per la notte Europa che si svolgerà a maggio e per le Giornate europee del patrimonio che si terrà a settembre.

Fatevi ispirare dalla cultura…

Maria Olga Tartaglia

 

 

 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close