Veneto

Palestre, stangata del Comune

Consumi aumentati del 400%. Dirigenti in rivolta: «Così chiudiamo»

La stangata è arrivata. Con un anno di ritardo, mettendo da parte proteste, riunioni, promesse, impegni. Una stangata che rischia di mettere in ginocchio buona parte delle società sportive veneziane e della terraferma. Con lettere firmate dall’assessorato allo Sport che stanno arrivando in questi giorni, il Comune chiede il pagamento dei consumi di luce, acqua, gas delle palestre comunali in concessione alle società. Applicando con formula retroattiva – dal 1 luglio 2017 – l’aumento dal 7% al 30% del monte complessivo. Significa che chi pagava 100 due anni fa adesso dovrà pagare più del quadruplo. Una mazzata che potrebbe dare un colpo definitivo alle già barcollanti società. Che si reggono quasi tutte sul volontariato e scontano un calo di iscritti e di giovani, in particolare nel centro storico.

«Anche perché», aggiunge un dirigente veneziano, «le tariffe al pubblico non sono state aumentate. Dunque i maggiori costi ricadono solo sulle società». Un tam-tam che ha coinvolto decine di società. Con l’impegno a organizzare al più presto una grande assemblea. Per fare sentire al Comune le ragioni delle piccole società.Una novità quella dell’aumento delle tariffe sui consumi, che aveva provocato proteste e malumori già due anni fa. Incontri in municipio, fronte compatto delle società.

E la promessa di Ca’ Farsetti di poter applicare lo “sconto” sugli aumenti. Cercando in pratica di mantenere i costi invariati. «Ma non abbiamo visto niente, e adesso arrivano le lettere», dicono i dirigenti. «Noi rischiamo di chiudere». A rischio le attività delle sezioni giovanili e del minibasket. Per cui il Comune ha deciso di stanziare un aiuto economico di 180 euro a tutti i bambini che compiranno sei anni nel corso dell’anno sportivo 2018-2019. Il “bonus sportivo”, promesso dal sindaco in campagna elettorale.

«Ma non basta, sono pochissimi», dicono i presidenti, «quei costi non li reggiamo. E se non si cambia, rischiamo di chiudere. Il sindaco Brugnaro è uno sportivo, è stato fondatore e presidente della nuova Reyer. Ci ascolti».

 

A.V.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close