Veneto

Seminario sulle concessioni demaniali a Jesolo

JESOLO. Bandi e gare per le concessioni demaniali, le direttive Ue fanno paura agli operatori del litorale.

Le concessioni demaniali e il loro futuro sono state oggetto di un seminario di confronto al palazzo del turismo organizzato dal mandamento jesolano di Apindustria Venezia. La futura apertura e liberalizzazione del mercato riguarderà oltre 100 aziende e 1500 lavoratori solo sul litorale jesolano.

Hanno partecipato al seminario tutti gli attori in campo coinvolti, vale a dire operatori del settore, albergatori, professionisti, politici e amministratori, associazioni di categoria.

Roberto Dal Cin, presidente mandamentale di Apindustria Venezia a Jesolo e Pier Orlando Roccato, direttore di CONFAPI Veneto hanno introdotto la questione davanti a una platea molto interessata all’argomento.

“Siamo lieti di vedere qui così numerosi”, ha iniziato Dal Cin, “il confronto è importantissimo su questo tema che è un problema nazionale e che per essere risolto necessita condivisione, gioco di squadra”.

Poi un focus sulla direttiva europea “Bolkestein”, che com’è noto dal 2010 a questa parte ha portato evoluzioni significative”.

Il sindaco del Comune di San Michele al Tagliamento-Bibione, Pasqualino Codognotto, coordinatore della Conferenza dei Sindaci del litorale veneto, ha ricordato come il sistema italiano non sia ancora pronto per applicare le disposizioni europee che oltretutto non considerano  i molti problemi strutturali e ambientali che le coste italiane dovranno affrontare. “In Italia i concessionari sono oltre 30 mila”, ha detto Codognotto, “con caratteristiche e specificità anche totalmente diverse tra loro. Basti pensare a concessioni che si estendono su oltre 40 mila mq di superficie e altre invece di soli 200 mq”. Il vice presidente Api, Pierpaolo Alegiani, ha affrontato il tema dal punto di vista tecnico.

“Il principale problema è la grande assenza dello Stato”, ha illustrato l’avvocato Pierpaolo Alegiani, vicepresidente del mandamento Api a Jesolo, “a nulla è valsa l’attività atta ad affievolire il peso giuridico e la richiesta di allungamento dei tempi di applicazione della direttiva, che tuttora ha ottenuto solo dinieghi o mancate risposte. Invece è risaputo che la Germania e la Spagna hanno ottenuto dall’Europa una dilazione di 30 anni”.

L’obiettivo è pianificare un’azione congiunta e trasversale tra istituzioni politiche, governative e i tanti soggetti e categorie economiche.

Al seminario, anche Roberta Nesto, sindaco di Cavallino Treporti, Lorenzo Vallese, presidente FIBA Veneto, Renato Cattai, presidente Federconsorzi Arenili, e Fabiano Barbisan, consigliere della Regione Veneto.

Il direttore di Apindustria Venezia, Nicola Zanon, ha chiuso il dibattito: “Apindustria Venezia è impegnata per l’approvazione di una norma nazionale che consenta il “doppio binario”, ovvero distinguere le concessioni in vigore da quelle nuove”.

Giovanni Cagnassi

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close