Veneto

Senza AstraZeneca per Zaia e Flor si blocca la campagna vaccinale

«Penso sia bene che se c’è un dubbio una campagna vaccinale debba essere sospesa ma va detto che i dubbi devono essere fugati con estrema velocità. Cercheremo di capire cosa dirà la comunità scientifica ma di certo AstraZeneca per noi pesa tanto perché è il vaccino della vaccinazione di massa che fa la parte del leone». L’ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia parlando della vicenda AstraZeneca nel corso del consueto punto stampa alla sede della Protezione civile di Marghera (Venezia).

In attesa dell’Ema salgono contagi e ricoveri

La campagna vaccinale del Veneto ovviamente rischia una rimodulazione, almeno in attesa del verdetto dell’Ema, l’agenzia europea dei medicinali. Anche perché proprio su AstraZeneca si basa la partecipazione dei medici di base alle somministrazioni.

Intanto in Veneto la terza ondata del Covid sta facendo segnare ogni giorno dati sempre più allarmanti: ci sono stati 84 morti nelle ultime 24 ore, anche se Zaia ha precisato che 34 di essi sono stati “caricati” in ritardo e risalgono a giorni precedenti. I nuovi positivi sono 1.901, cala la percentuale sui tamponi (3,64%). Aumentano i modo preoccupante i ricoverati: più 131 in un solo giorno. Tanto che i Covid hospital sono stati ormai tutti riattivati. 

Flor da i dati sui vaccini

Dopo di Zaia, il direttore della Sanità del Veneto ha fornito tutti i dati sulla campagna vaccinale per concludere che, allo stato attuale, si possono garantire solo i richiami a 21 giorni di Pfizer e Moderna a chi ha fatto la prima dose (e su Moderna ci sono anche dubbi). 

Il Veneto ha ricevuto 710.960 dosi di vaccino e ne ha somministrate 543.491. Altre 56.600 dosi di Pfizer sono attese per oggi. Di AstraZeneca sono arrivate 194.000 dosi, delle quali ne erano state somministrate 68.251. In giacenza dunque ci sono 125.000 dosi di AstraZeneca.

Per quanto riguarda Pfizer, il Veneto ha ricevuto 547.360 dosi e ne ha somministrate 510mila.

Vaccino Moderna: ricevute 43.600 dosi, 25mila delle quali somministrate. Ne restano in giacenza 18 mila

L’imbarazzo

In questo momento, solo 169.418 veneti sono stati completamente vaccinati.  Mentre ci sono 374.000 persone in attesa della seconda dose. Di questi, 306 mila aspettano il richiamo con Pfizer e Moderna. “Capite da queste cifre che, da oggi, possiamo fare i richiami a 21 giorni ma non possiamo più fare altre persone – ha detto Flor -. Non serve fare nessun piano. Andiamo avanti solo con i richiami a 21 giorni”. 

«Il quadro è abbastanza imbarazzante per chiamarla campagna vaccinale – ha aggiunto Flor -. Senza AstraZeneca – ha concluso il dg – il numero di nuovi vaccinati resterà stabile, crescerà al massimo di uno 0,000″. 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close