Veneto

Solidarietà a San Donà

SAN DONA’. Cena di solidarietà per le popolazioni bellunesi e i loro boschi distrutti dal maltempo. Arriva dai popoli più lontani che vogliono dare un segnale.

L’organizzazione

A promuovere la cena sono le associazioni degli immigrati per una grande festa con le cucine del mondo protagoniste alla parrocchia del San Giuseppe Lavoratore domenica 5 maggio alle 12, dove sarà allestito un capannone per tutti gli ospiti. Sarà l’occasione per conoscere altre culture ed etnie che nel basso Piave. Circa 4 mila sono i cittadini stranieri che vivono in questo territorio. E se è vero che siamo quindi quello che mangiamo, nonché è proprio a tavola che possiamo iniziare a capire che arriva da Paesi lontani con costumi e usanze diverse.

Le motivazioni

“E’ una iniziativa proposta dalle associazioni di stranieri immigrati che così vogliono contribuire al disastro dei boschi”, spiegano i promotori coordinati da Antonio Sforzin “e possiamo quindi ritenere che questo sia un atto di vera solidarietà delle associazioni”.

Le adesioni a San Donà

Hanno aderito: il Comitato del Veneto Orientale per l’Immigrazione, Associazione Arrahma San Donà di Piave, Associazione Nigeriani a Venezia e dintorni. Nonchè Associazione Rumeni “Decebal Traian” , Associazione “Orizon” San Donà di Piave. Quindi Associazione Ucraina Più San Donà di Piave nonché Associazione Comunità Ochasi in Italia, Associazione Popolo Indigeno del Biafra nonché Associazione Solidarietà Dic. ’79.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close