Veneto

Tosi e un nuovo movimento politico

Tutti a parlare di Renzi. Ma come si suol dire, se Sparta piange Atene non ride. Infatti arriva la rivoluzione anche dall’altra parte. Forse un po’ più in sordina, ma arriva un nuovo movimento politico. Di centrodestra. E che potrebbe coinvolgere Urbano Cairo (editore del Corriere della Sera e presidente del Torino), Carlo Calenda (europarlamentare ed ex ministro Pd), e la deputata Mara Carfagna (Forza Italia). Ma soprattutto Flavio Tosi, che sta lavorando alla sua fondazione.

Il momento politico e l’analisi di Tosi

In un momento di grande fermento politico dopo la nascita del governo Pd-M5S, l’ex sindaco leghista e consigliere comunale di Verona è in prima linea nel ricucire uno spazio, quello del centrodestra, in cui potrebbero ritrovarsi diverse anime. In vista delle politiche, che tuttavia «non sono certo dietro l’angolo» precisa lui, e guardando con interesse anche alle prossime regionali. «Vediamo se ci sarà il tempo di costruire qualcosa di credibile», aggiunge prudente.Ma intanto tesse la tela, con incontri programmati anche a brevissimo.

I cambi di marcia

E non importa se Calenda, per esempio, fino a ieri aveva la targa Pd. «Sarebbe ingeneroso definire Calenda del Partito Democratico. È uomo di Confindustria, manager, dirigente d’azienda. Persona liberale, tanto che col nuovo governo di sinistra se n’è andato – spiega Tosi – prima con l’etichetta del Pd non era pensabile confrontarsi, il fatto che sia uscito è un gesto di serietà apprezzabile. E comunque conosco Calenda, persona seria, capace, quindi parleremo volentieri. Del resto si è aperta una fase interessante. Matteo Salvini con la sua mossa poco intelligente ha finalmente sbloccato il centrodestra e quindi ci sono tante cose che si stanno muovendo».

Centrodestra?

Di certo il nuovo soggetto sarà di centrodestra: «La differenza da Salvini, che ha un impronta populista e demagogica, è che noi saremo un movimento concreto e pragmatico. Salvini in pratica si è dimesso da leader del centrodestra, con quella scelta sciagurata, e con la legge proporzionale che sarà una iattura ma verrà fuori, non saranno tutti costretti come prima a correre alla corte di Salvini».

I partner di Tosi

Oltre a Calenda, Tosi snocciola altri due nomi di peso: «Urbano Cairo e Mara Carfagna. Poi non so se finiremo tutti insieme, vedremo. Ma a questi stiamo pensando perché potrebbero dare un contributo importante». E se Calenda ha annunciato che presenterà la sua nuova forza politica a Roma a dicembre, Tosi guarda «a quel che verrà nel centrodestra e che vorrei che accadesse». Difficile fare previsioni su quanto tempo sarà necessario per vedere venire alla luce la nuova realtà, ma le regionali del prossimo anno potrebbero essere il primo traguardo a cui presentarsi.

L’autonomia per Tosi

Con l’autonomia del Veneto come priorità. «Portare al federalismo il Paese in maniera seria e concreta anziché sulle parole è un tema non solo per il Nord, l’Italia ha bisogno di un assetto federale, di autonomia vera. Quell’autonomia che non sarebbe arrivata con Salvini: un anno e mezzo di prese in giro, ne parlavano e basta. E certo non arriverà adesso con questo governo, tutto spostato a sinistra, addirittura con Liberi e Uguali e lo smarcamento di Renzi. Governo delle poltrone? È il bue che dice cornuto all’asino: Salvini ha fatto lo stesso il giorno prima con i 5 Stelle – conclude Tosi – qui il problema sono i contenuti».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close
Close