Trevigiano

Cisone – San Michele Salsa sospesa per ritiro della squadra

Fischi ai giocatori di colore, l’episodio di razzismo è accaduto durante l’incontro di Prima Categoria tra Cisonese e San Michele Salsa. Una frase di stampo razzista contro un giocatore di colore del San Michele da parte di uno spettatore hanno avuto come conseguenza l’abbandono del campo della squadra ospite. Bastano tre parole: “Stai zitto negrone” e succede il finimondo. Il capitano avversario Sansoni, mentre l’arbitro Ciprani discuteva animatamente con Ousseynou Diedhiou per un presunto fuorigioco, sente (come tutti) nitidamente quelle tre parole urlate da uno pseudo tifoso. Tutti sentono tranne l’arbitro che davanti alle proteste del capitano lo espelle

Un gesto coraggioso

A quel punto, tra lo stupore generale, Sansoni richiama i suoi compagni e si allontanano verso gli spogliatoi abbandonando il campo. Alla fine della gara uno dei due ragazzi di colore della Cisonese uscirà in lacrime mentre Ousseynou Diedhiou ringrazierà gli avversari per il gesto di solidarietà. Ora il San Michele Salsa, andrà quasi certamente incontro a una squalifica a tavolino, ma dalle parole del dirigente Manuel Scottà non traspare nè pentimento, nè di rinnegare questo gesto non banale: “Non c’erano più le condizioni per poter riprendere la partita e abbiamo abbandonato il campo in modo compatto anche perché abbiamo un altro nostro tesserato in panchina di origine africana e non potevamo proprio restare fermi a guardare. Potevamo anche pareggiare in inferiorità numerica. Sono 40 anni che seguo il calcio e mai ho visto una cosa del genere. Mi è stato detto che un calciatore di colore della Cisonese è uscito in lacrime dal loro spogliatoio e ci ha ringraziato per il coraggioso gesto che avevamo fatto. Adesso aspetteremo le decisioni arbitrali ma non abbiamo paura di affrontarle. Il gesto dei miei ragazzi vale molto più di una partita”.

La Cisonese si scusa ma prende le distanze

La Cisonese dal canto suo ha espresso solidarietà al calciatore offeso: “I giocatori e tutta la società esprimono la piene solidarietà al giocatore del San Michele Salsa e mi scuso pubblicamente per quanto successo. Voglio però mettere in chiaro che la società non ha alcuna responsabilità per quello che succede o viene detto dal pubblico presente alle nostre partite”. L’episodio sarà analizzato dunque dal giudice sportivo, le cui decisioni sono attese mercoledì.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close