Veneto

Un poker per Camponogara

Sarà uno scontro a quattro a Camponogara, Comune della Riviera del Brenta con poco più di 13 mila abitanti.

Il centrosinistra

Il centrosinistra, maggioranza uscente, si presenta con la la lista «Insieme con Antonio Fusato sindaco, continuiamo insieme per il futuro», appoggiata dal Pd che ha appunto come candidato sindaco l’assessore uscente Antonio Fusato e capolista il sindaco in carica Giampietro Menin, arrivato alla conclusione di due mandati.

Il centrodestra

Il centrodestra unito invece candida a sindaco Stefano Cacco, imprenditore del campo dell’ abbigliamento con la lista «Stefano Cacco sindaco per Camponogara». Una lista appoggiata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’ Italia.

Il primo ostacolo a Camponogara

Oltre ai due poli sarà presente la lista civica «Civica per il Veneto» con candidato sindaco l’attuale vicesindaco uscente Massimiliano Mazzetto. Sarà capolista il consigliere regionale ed imprenditore Franco Ferrari.

Il secondo incomodo

Infine sarà presente anche il Movimento 5 Stelle che candida a sindaco Denis Sbrogiò, dipendente della Tim.

Le particolarità di Camponogara

La particolarità di questa tornata elettorale è che di fatto gli assessori della giunta uscente si sono divisi fra «Civica per il Veneto» e la lista appoggiata dal Pd che punta a far diventare primo cittadino Antonio Fusato. Con «Civica per il Veneto» sono andati oltre al candidato sindaco Mazzetto, anche gli assessori Eleonora Canova e Diego Fogarin. Con Fusato oltre al sindaco c’è l’assessore Monica De Stefani. Nel centrodestra Cacco punta a sfruttare il buon momento della Lega. La partecipazione alle elezioni della lista del Movimento 5 Stelle è stata in forse fino all’ultimo. Il partito infatti non ha fatto mistero di aver avuto qualche difficoltà nel raccogliere le firme necessarie.

A.M.U.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close
Close