Veneto

Veneto, 31 dicembre 2021: 9.028 casi, 18 vittime. Zaia: “No al vaccino obbligatorio”

Il bollettino del 31 dicembre 2021 mostra ancora numeri preoccupanti, sono 9.028 i contagi registrati nelle ultime 24 ore (qui i dati di ieri), a fronte di 8.292.918 tamponi molecolari e di 13.490.660 tamponi antigenici. Il totale delle persone contagiate dal virus sale a 645.723 dall’inizio della pandemia. Insomma, numeri in lieve calo ma che non mettono il Veneto al sicuro da un passaggio in zona arancione, paventata dallo stesso governatore Luca Zaia.

Le vittime

Sono 18 le  vittime, il conteggio totale dei decessi dovuti al Covid da inizio pandemia sale a 12.383. A Verona il picco dei positivi oggi supera quota 2000, sono esattamente 2010 i nuovi positivi. Sempre pesante la situazione ospedaliera, con 1.306 (+40) malati Covid ricoverati nei reparti medici, e 191 (-2) in terapia intensiva.

La mappa dei contagi, provincia per provincia

Migliora leggermente la situazione a  Padova che ieri 30 dicembre con 1.289 casi era  la provincia con il più alto numero di contagi nel Veneto: oggi sono 1.778 i nuovi positivi. Proprio a Padova, l’ente Fiera di Padova, a causa dell’evolversi dell’emergenza Covid 19, ha deciso di sospendere Itinerando, prima fiera in Italia di turismo esperienziale aperta al pubblico, che si sarebbe dovuta tenere il 29 e 30 gennaio 2022.  Fra le province più colpite oggi va in testa Verona con 2.010 nuovi contagi, Segue Vicenza con 1.798 contagi. mentre nella città metropolitana di Venezia  sono 1.747 le  persone risultate positive nelle ultime 24 ore. A Treviso se ne registrano 683, salgono a Rovigo, dove i nuovi positivi sono 503, a Belluno 211.

Zaia: “No al vaccino obbligatorio”

Dai nuovi report sull’andamento delle vaccinazioni, sono +45.869 le dosi somministrate rispetto a ieri che portano il totale a 9.110.598. Sono +4.817 le prime dosi, +2.588 i cicli completati, +38.464 le addizionali o booster. Avanza lentamente la campagna vaccinale dei ragazzi (5-11 anni) in Veneto. Ad oggi il 10,3% della popolazione in età pediatrica ha ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid.  La popolazione che ha ricevuto finora la terza dose è pari al 34,7% dei residenti.

Decisioni giorno per giorno

Sul tema dei vaccini il governatore del Veneto Luca Zaia, torna  a dire la sua. “L’obiettivo è vaccinare tutti non creare tensioni. Qualcuno ci spieghi quale sarebbe la modalità per la vaccinazione obbligatoria. Mandiamo la forza pubblica? Mi rifiuto di pensare che un Paese civile possa fare una cosa del genere e se si decidesse di dare delle multe come in Germania allora tutto ciò non avrebbe nulla a che fare con l’aspetto sanitario ma alimenterebbe solo il bacino dei furbetti. Ribadisco: si spieghi come si intende attuare altrimenti lasciamo stare”, ribadisce il presidente Zaia. “Siamo davanti a misure day by day, non ci sono formule magiche”, sottolinea il governatore ritornando sulla questione delle quarantene. Senza vaccini “il Veneto sarebbe chiuso – conclude Zaia – e con tantissimi morti in più, l’80 per cento dei ricoverati in terapia intensiva è no vax, che rappresentano il 13 per cento dei veneti”

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close