Veneziano

2,3 milioni di euro per risolvere problemi idraulici: potenziamento delle pompe di sollevamento

Allagamenti, eventi atmosferici che hanno messo a dura prova il territorio di San Michele al T./Bibione. Dalla Regione attraverso il Consorzio di Bonifica arrivano 2,3 milioni per ulteriori opere di completamento che permetteranno sia la sostituzione anche delle due pre-esistenti pompe di Villanova con due di maggior portata, arrivando nel complesso a 6.000 litri al secondo sollevabili che la realizzazione di una cabina elettrica di trasformazione, così da poter alimentare adeguatamente il nuovo e potenziato impianto, senza ricorso ai gruppi elettrogeni utilizzati invece in emergenza dalle squadre operative del Consorzio.

Villanova

Nell’impianto di sollevamento a Villanova sono operative due pompe da 500 litri al secondo di sollevamento che saranno sostituite. Con un intervento di 1,3 milioni verranno collaudate due nuove pompe in grado di sollevare 4mila litri al secondo al di là dell’argine. In definitiva saranno operative 4 nuove pompe da 1500 litri al secondo ciascuna in grado di sollevare 6000 litri al secondo.

L’ennesimo intervento

Si tratta dell’ennesimo intervento che l’amministrazione comunale di San Michele al Tagliamento concretizza per meglio tutelare il territorio dal rischio idraulico. Un lavoro portato avanti grazie al dialogo con i tecnici del Consorzio e al costante monitoraggio cercando di essere puntali con interventi mirati e programmati. Gli eventi meteo dal 2017 hanno messo in evidenza la fragilità della parte settentrionale della realtà sanmichelina ed in particolare degli abitati di Villanova della Cartera e di Malafesta.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close