Veneziano

Banksy. Fascicolo archiviato

Banksy non smette di stupire: lo ritroviamo protagonista di un’indagine giudiziaria che sembra essere la sua ennesima performance artistica. Un’inchiesta per “imbrattamento”, finita con una richiesta di archiviazione presentata dalla stessa Procura, che consacra i murales del più famoso street artist del mondo come opera d’arte.

Chi è Bansky

Tutti lo conoscono, ma nessuno sa chi sia, così la pubblico ministero Federica Baccaglini ha scritto «Indagato: ignoto (Banksy)» nell’intestazione del fascicolo, che ha dovuto aprire dopo aver ricevuto la denuncia con la quale la Soprintendenza ha segnalato come «non autorizzato» il piccolo profugo con i piedi nell’acqua del Rio Novo e in mano un fumogeno rosa, apparso a maggio a San Pantalon, per gridare forte la sua richiesta di aiuto al mondo. Un murales che l’artista ha “firmato” pubblicandolo sul suo profilo Instagram, negli stessi giorni in cui si faceva beffe dell’inaugurazione della Biennale.

La preveggenza di Bansky

Pochi giorni e la Msc Opera si sarebbe davvero schiantata a San Basilio.Quanto al piccolo profugo meta di pellegrinaggi fotografici, a spingere la Soprintendenza ad intervenire è stato il fatto che la “tela” scelta da Banksy per la sua opera-denuncia sia la facciata di un palazzo sottoposto a vincolo storico e artistico. Per dipingerla serve un’autorizzazione. Che naturalmente lo street artist non ha mai chiesto: così l’opera che ha fatto il giro del mondo, si è trasformata in un caso giudiziario.

Il ritiro della denuncia

Per poco tempo: perché in Soprintendenza conoscono bene le norme, ma s’intendono altrettanto bene d’arte e riconoscono il piccolo profugo come un’opera d’arte, al punto che se il proprietario del palazzo (in vendita) volesse rimuoverlo, dovrebbe farlo staccandolo dal muro mantenendo l’integrità dell’opera.

La via di uscita

Così, la stessa Soprintendenza ha indicato alla Procura la possibile via di uscita. «Questo dipinto murale anche se illegittimamente realizzato risulta rientrare nelle disposizioni di tutela previste dall’articolo 11 perché non si tratta imbrattamento, ma di un dipinto murale a carattere artistico, che non ha provocato danno e non ha deturpato la facciata».

L’augurio

Arte, quindi, tanto che la Soprintendenza conclude augurandosi che il piccolo profugo resti lì dov’è, «conservato in sito per una più ampia fruizione dell’opera pittorica». L’ultima parola spetta ora al giudice per le indagini preliminari, che potrebbe anche ordinare di perseguire Banksy per imbrattamento. Ma è “ignoto”: chi mai lo troverebbe?

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close