Veneziano

Covid: Ulss veneziana richiama personale in pensione

Covid: Ulss Venezia, specificando che nessun servizio è stato tagliato, sta soffrendo una crisi sul piano del personale, per questo ora si offriranno contratti a pensionati e specializzandi.

Situazione pesante

“Dobbiamo vaccinare, somministrare tamponi e tracciare gli eventuali positivi, ma la coperta è corta. La soluzione, ora come ora, non è semplice da trovare”. Lo ha detto il commissario alla vaccinazione dell’Ulss 3 veneziana, Luca Sbrogiò, commentando la crescita dei contagi da Covid-19. A differenza dello scorso anno, nessun servizio sanitario è stato ancora tagliato – ma si attende comunque per oggi il nuovo piano di sanità pubblica regionale – e manca sufficiente ricambio di personale.

Sbrogiò: non bastano i neolaureati

“Abbiamo 80 infermieri freschi di laurea, – ha proseguito Sbrogiò – ma serviranno anche a coprire buchi nelle case di riposo e nella sanità privata. C’è una forte domanda, ma l’offerta è molto modesta”.

Si ricorre ai pensionati

Anche per questo, l’azienda sta richiamando personale in quiescenza, “quelli che più recentemente hanno lasciato l’attività. Allo stesso modo, – ha concluso – stiamo facendo contratti ‘ad hoc’ per medici specializzandi. Ne assumeremo una ventina, e cerchiamo anche personale amministrativo. Attendiamo la Regione, ma non escludiamo di dover rimandare attività ospedaliere per recuperare personale”.

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close