Veneziano

Festa del Redentore: lettera a Venezia

La festa del Redentore quest’anno ha davvero un significato particolare. La grande pandemia, che ancora ci minaccia, evoca proprio quanto si ricorda in queste giornate. E chissà che i divieti e le restrizioni non ci facciano recuperare il senso più intimo dell’evento. 

Festa del Redentore e Covid


La salute di tutti come bene prezioso, come grazia da chiedere e da meritare con comportamenti sempre più responsabili. Peccato che una maldestra gestione dell’amministrazione, del sindaco uscente, abbia prima creato l’illusione di una festa in pompa magna che ha messo in moto attese, organizzazione e investimenti e poi, all’improvviso, abbia riservato una doccia fredda (più o meno spontanea): quest’anno niente fuochi e conseguente ridimensionamento generale della festa. 

Le difficoltà


Che dar vita a Venezia – nell’estate del 2020 – a grandi eventi, non facilmente controllabili, fosse un rischio troppo grave per la salute pubblica, era chiaro fin dall’inizio. Ma fin dall’inizio questa chiarezza è stata un criterio che l’amministrazione non è stata capace di assumere, decidendo alla fine un dietrofront troppo a ridosso dell’evento, che ha lasciato le categorie economiche, gli albergatori e i ristoratori a gestirsene da soli, e solo sulle proprie spalle, le conseguenze.

Ma la festa nel cuore dei veneziani non verrà compromessa da questa gestione superficiale. Ciascuno di noi la festeggerà a modo suo – in famiglia, a casa, nella preghiera, in barca nonostante tutto – attenendosi alle restrizioni sanitarie e allestendo ugualmente tavolate di amici e vicini, in calle o in fondamenta. 

L’invito di Baretta per la festa del Redentore


Né l’acqua alta eccezionale, né il coronavirus, né gli imbarazzanti ondeggiamenti di questa amministrazione fermeranno la speranza e la fiducia dei veneziani nel futuro. La Festa del Redentore non sono i fuochi artificiali, quanto il momento del ricordo e della liberazione. Buon Redentore a tutti i veneziani da parte mia!
Pier Paolo Baretta

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close