Veneziano

Venezia, tamponi rapidi gratis in stazione

Tamponi rapidi gratuiti per turisti e residenti, con una potenzialità di circa 300 test al giorno. È in via di allestimento la tensostruttura della Croce rossa, all’ingresso della stazione Santa Lucia di Venezia, pronta a entrare in funzione da oggi, con un servizio che durerà tutta l’estate. Turisti e residenti – anche minorenni, purché accompagnati – potranno chiedere di essere sottoposti al test rapido, senza prescrizione medica, tutti i giorni, dalle 8 alle 14. Dal servizio sono escluse i sintomatici e quante siano stati a stretto contatto con un positivo conclamato. Il servizio è reso possibile da un finanziamento della Commissione europea e dalla concessione degli spazi da Ferrovie dello Stato.

Incentivo turistico

Potrebbe essere un buon incentivo per il turismo, a Venezia, anche considerando l’inizio della Biennale architettura, il 22 maggio. Il progetto, già rodato a Milano e Roma, coinvolge 12 città italiane che, insieme, potrebbero mettere insieme oltre 3 mila test al giorno. In caso di positività al rapido, come sempre, la persona sarà sottoposta al tampone molecolare.

La campagna vaccinale

Rimane quello dei tamponi, dunque, il secondo fronte della lotta al Covid. Anche se le armi più potenti sono i vaccini. In attesa di lunedì, quando le iniezioni potranno essere programmate anche dai 120 mila ultraquarantenni veneziani (ma, nell’Usl 3, il 16% è già stato vaccinato), continua a crescere la percentuale di immunizzazione nelle altre coorti anagrafiche. Compresi i prenotati, la copertura è dell’82.3% tra i 70-79enni, del 74% tra i 60-69enni e del 57.5% tra i 50-59enni. Domani e dopodomani, poi, l’Usl 3 ha aperto mille slot, al PalaExpo di Marghera, per i 3 mila sanitari non dipendenti dell’azienda Serenissima che finora hanno rifiutato la profilassi. In caso di rifiuto immotivato, andranno incontro al demansionamento o alla sospensione senza stipendio.

La visita di Figliuolo

Rimanendo al PalaExpo di Marghera, la struttura ha ricevuto la visita del generale Figliuolo. Appuntamento nel corso del quale il commissario straordinario all’emergenza Covid ha potuto apprezzare le potenzialità del primo centro vaccinale della regione: «Questo hub – che ora dispone di 20 linee vaccinali, ma che presto diventeranno 27 – è il frutto del sistema Paese, di una sinergia tra imprenditori, Regione e Comune». L’occasione pubblica è stata anticipata da un doppio incontro al padiglione Rama dell’ospedale Dell’Angelo. «Abbiamo apprezzato molto la visita del generale Figliuolo e il suo pragmatismo» commenta l’assessore Simone Venturini, presente al secondo appuntamento al Rama, sostituto al PalaExpo dal vicesindaco Tomaello. «Il commissario ha riconosciuto il lavoro fatto in questi mesi da sanitari, Usl, comuni e Protezione civile, per mettere in piedi il “modello Venezia”, riferimento per l’Italia».

I dati

Continua ad arretrare il contagio. Ieri il numero dei positivi è sceso a 2.682, a fronte di 103 nuovi casi e un decesso nelle ultime 36 ore. La conferma della progressiva ritirata del virus arriva anche sul piano dei ricoveri: 163. E scendono anche i posti letto occupati in Terapia intensiva: sono 11 (-2).

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close