Veneziano

Zianigo: odissea alle poste

Una vicenda senza fine quella delle poste di Zianigo. Sono ancora chiuse, da 6 mesi. E i residenti hanno definitivamente perso la pazienza. Soprattutto i più anziani, senza macchina o familiari che li possano accompagnare alle poste di Mirano. E che quindi vivono da mezzo anno una situazione a dir poco di disagio.

Tutto comincia il 5 febbraio, quando alcuni banditi tentano di rapinare il bancomat esterno delle poste di Zianigo. Lo fanno saltare in piena notte con dell’esplosivo ma il furto non va a buon fine. Si attivano infatti i sistemi di sicurezza che macchiano e bruciano le banconote: i ladri si danno quindi alla fuga a mani vuote.

L’esplosione, però, ha danneggiato il bancomat delle poste e anche gli spazi interni. Ecco allora che iniziano i lavori di sistemazione. Ma qualcosa non funziona, i lavori procedono a rilento e le poste non riaprono. Nei mesi successivi i residenti di Zianigo si sentono presi in giro. Più volte infatti, sulla vetrina delle poste compaiono cartelli che annunciano la fine dei lavori e l’apertura degli uffici. Ma puntualmente, quando arriva la data di apertura prevista, compare un nuovo cartello che proroga la fine dei lavori.

Inizialmente i residenti pazientano, ma dopo 4 mesi si sollevano le tensioni. Le persone più anziane vivono infatti situazioni di disagio. Vanno alle poste per effettuare qualsiasi operazione, e soprattutto a ritirare la pensione. Ma le poste sono chiuse e sono quindi costretti ad andare a quelle di Mirano. E per chi non ha la macchina o qualcuno che lo possa accompagnare il disagio è forte.

exozero1_agenzia_di_comunicazione

Un disagio che aumenta con l’arrivo dell’estate e del caldo. E così iniziano le proteste. Qualcuno si attacca al telefono e chiama gli uffici centrali per sollecitare la fine dei lavori. E pare che tutto sia risolto. Qualche giorno fa, infatti, le poste avrebbero dovuto riaprire. Ma arriva l’ennesima sorpresa: niente da fare bisognerà attendere ancora, fino a fine agosto.

Sperando che stavolta la data di fine lavori sia rispettata e che le poste di Zianigo, finalmente, riaprano le porte.

M.B

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close