Veneto

Vicenza: agricoltura, la siccità fa lievitare i costi alle imprese dal 15 al 50 per cento. Nadal (Condifesa TVB): “mais e soia a serio rischio se non piove”

 Il grande caldo presenta un primo “conto” agli agricoltori della provincia di Vicenza) ed è salatissimo: di media le imprese avranno incrementi di costi dal 15 al 50 per cento a causa dell’aumento dell’uso della manodopera e del gasolio usato in agricoltura. E’ quanto emerge da uno studio elaborato da Condifesa TVB (Treviso-Vicenza-Belluno, oltre 10mila imprese associate) il Consorzio che tutela gli agricoltori dalle avversità. Ma quali ripercussioni può determinare nei prodotti della terra questo clima torrido? “Il frumento e l’orzo che si raccolgono ora nonostante le scarse precipitazioni sono arrivati a maturazione con rese e qualità soddisfacenti” spiega il presidente del Condifesa TVB Valerio Nadal.

Le parole di Nadal

“Per soia e mais la situazione è diversa – prosegue Nadal – servono costanti interventi irrigui. E se dovesse ridursi la disponibilità idrica si determinerebbe una perdita del raccolto anche totale con la morte della coltura”. Quindi passando al vigneto, alla vendemmia mancano due mesi o poco più. “Il vigneto non muore, ma se non ci sarà la possibilità di irrigare in termini qualitativi e quantitativi si registreranno grosse perdite”. Sulla questione interviene anche il direttore Filippo Codato: “In un quadro meteo climatico dove si registrano scarse precipitazioni, siamo ad un meno 50% rispetto alle medie storiche, le uniche accortezze in agricoltura sono l’applicazione delle buone pratiche agricole. Tra cui la scelta di varietà e dei porta-innesti che possono essere più efficienti nell’utilizzare la poca acqua disponibile anche per il futuro”.

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close