Veneto

Zaia: Natale senza veglioni

Governo e Regioni al redde rationem in vista del nuovo Dcpm destinato a regolare l’attività dei prossimi mesi, quando la convergenza di contagi, campagna vaccinale anti-Covid e picco influenzale sottoporrà la sanità pubblica alla prova più severa. Al riguardo, oggi i governatori discuteranno in videoconferenza una linea comune, che includa anche proposte sul versante economico e sociale: in ballo c’è la definizione del ristoro alle attività danneggiate da divieti e restrizioni – ultimo, in ordine di tempo, il circuito dello sci destinato alla chiusura nelle festività natalizie – ma anche il sostegno alla ripartenza delle imprese e le ipotesi di utilizzo delle sospirate risorse previste dal Recovery Fund.

Un Natale diverso

«Prepariamoci ad un Natale diverso, sobrio, in famiglia, senza veglioni né piazze gremite, rispettando anzitutto i lavoratori della sanità che rinunceranno alle vacanze per curare i malati», l’appello di Luca Zaia, ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”. Parlando da casa, alle spalle i poster delle Dolomiti e dell’Arena di Verona, il governatore ha rivendicato le misure regionali in materia di sicurezza – ingresso contingentato dei clienti, freno agli affollamenti nei centri storici, negozi chiusi la domenica – lamentando però un calo di attenzione: «È stata abbassata la guardia, occorre maggior senso civico, viceversa la situazione diventerà problematica».

Caner e Zaia

E la stagione bianca? Gli assessori dell’arco alpino, incluso il veneto Federico Caner, suggeriscono di consentire l’accesso agli impianti a chi trascorra almeno una notte nelle diverse destinazioni alberghiere oppure possieda o affitti una seconda casa nelle zone invernali, così da evitare il mordi e fuggi… «Prima la salute, questo è il dogma», il commento di Zaia «tuttavia sciare o camminare all’aperto mi sembra meno pericoloso che frequentare luoghi chiusi e non credo sia giusto penalizzare quanti vivono della montagna. Leggo che la Svizzera ha già aperto le piste mentre l’Austria si appresta a fare altrettanto, mi chiedo dove sia finito il coordinamento europeo… ».

Le citazioni e il voto

Ospite da Fazio, Zaia ha poi sciorinato una serie di citazioni che hanno creato un’atmosfera semiseria. Lodato da Fazio per l’efficienza del sistema di prevenzione e cura (terapie intensive a quota mille, record di tamponi rapidi, test fai-da-te), il governatore ha sciorinato la consueta sequenza di citazioni – Yourcenar, Sallustio, Voltaire – suscitando la sorpresa divertita del conduttore: «Ma chi credeva di intervistare?», la replica semiseria «basta con il luogo comune dei leghisti che non leggono e non studiano». Dalla Serenissima alla Capitale, perché Berlusconi strizza l’occhio al premier Conte: «Questo governo non ha il consenso maggioritario del Paese, meglio sarebbe tornare al voto senza espedienti né stampelle».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close