Veneto

Zaia vede giallo

Dopo tre settimane di arancione, il Veneto intravede il ritorno in fascia gialla con conseguente allentamento di restrizioni e divieti. Domani l’attesa riclassificazione del dicastero della salute: «Rispetto al picco epidemiologico del 31 dicembre, siamo alla ventisettesima giornata di calo», è il commento di Luca Zaia «dai calcoli dei nostri esperti, abbiamo un Rt pari a 0,62, un valore che ci collocherebbe al penultimo posto tra le regioni per rischio di trasmissibilità del virus. Ho ragionevoli speranze che si passi in zona gialla, è l’augurio che faccio a tutti i colleghi. In ogni caso, nel bene e nel male, ci siamo sempre rimessi alle valutazioni scientifiche dell’Istituto superiore di sanità e lo faremo anche stavolta. La prospettiva di un sostanziale ritorno alla normalità è un segnale incoraggiante ma nel contempo ci preoccupa: forse abbiamo già scontato la seconda-terza ondata però il virus procede in altalena, con cambi repentini, e ciò che sta accadendo nei vicini Paesi europei non lascia tranquilli».

Crisi e fondi

Al riguardo, un esplicito invito al ministro Speranza arriva dall’alfiere dell’Udc Antonio De Poli – «Consenta il trasloco del Veneto in giallo e la ripartenza di cittadini, famiglie e imprese nel rispetto delle condizioni di sicurezza previste» – e l’occasione offre al governatore l’opportunità di togliersi un sassolino: «Quando eravamo in difficoltà, l’opposizione ha provato a cavalcare le disgrazie, invocavano la fascia rossa ma chi avrebbe ristorato gli ulteriori danni ai lavoratori e alle imprese in ginocchio? Adesso che il peggio è passato, tutti zitti. C’è gente che dispensa consigli dal divano di casa e nell’emergenza non si fa mai vedere»; ce n’è anche per il traballante premier Conte: «Prendiamo atto che la sua maggioranza non c’è più, siamo nelle mani del presidente Mattarella, è giusto che sia lui a compere la scelta migliore. Starà con la calcolatrice in mano per vedere se questi qui hanno i numeri. Le risorse europee del programma Next Generation? Non c’è stato alcun confronto con le regioni, a conferma dell’orientamento centralista di chi, ostile all’autonomia, vorrebbe stravolgere il titolo V della Costituzione».

Si parla ancora di Covid

Torniamo al coronavirus, la cui ritirata è cosparsa di vittime, avviate ormai a quota novemila… «Siamo ottavi in Italia per mortalità, a precederci sono esclusivamente regioni del Nord, a riprova che l’infezione ha privilegiato questo bacino, e nel nostro caso l’incidenza delle mutazioni Covid balza gli occhi: l’Istituto Zooprofilattico ne ha identificate otto, tra le quali la prima variante inglese comparsa in Italia e altre due, tipicamente venete, sulle quali stiamo lavorando». Poi l’accenno a due ricerche. Quella universitaria condotta da Vincenzo Baldo, a Padova, che ha esplorato la diffusione casuale del virus (cassiere, passanti, luoghi pubblici) al di là dei contatti stretti; quella ospedaliera del microbiologo Roberto Rigoli, a Treviso, che studierà la reazione anticorpale in 20 mila soggetti campione per valutare l’effettiva circolazione del contagio.

E il cronoprogramma

E la sospirata campagna vaccinale? Le 50. 300 dosi promesse da Pfizer sono state consegnate e prontamente destinate al completamento dei richiami. Tagli e ritardi nelle forniture impediscono di avviare nuove somministrazioni (oggi il capo della prevenzione Francesca Russo illustrerà l’aggiornamento del cronoprogramma) e l’obiettivo realistico diventa la copertura prioritaria degli over 70: «È la fascia d’età che calamita il 95% dei decessi, se riusciamo ad immunizzarla in tempi ristretti gli effetti più gravi della pandemia saranno scongiurati».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close